Progetti

CENTRI ESTIVI 2018

 

Il Centro Estivo risponde al bisogno delle famiglie di impegnare i figli dopo la chiusura delle scuole, ma è anche una istituzione educativa originale che pone al centro delle sue attività i bambini/ragazzi.
Esso rappresenta un fondamentale momento di socializzazione che si inserisce in un contesto educativo e culturale più vasto, dove i bambini, trovandosi a contatto con adulti che non sono i loro genitori, i loro maestri, i loro allenatori, hanno la possibilità di instaurare relazioni e modelli di comportamento del tutto inediti.
Le attività sono progettate, inoltre, secondo percorsi che considerano il bambino nella sua globalità e ne promuovono le varie dimensioni (affettiva, cognitiva, fisica, sociale, ecc.), fornendo un’opportunità di apprendimento che attraversa i limiti del centro estivo stesso, scardinando la logica per la quale lo si delega ad una funzione di semplice “parcheggio”.
In questa ottica si muove l’Associazione Macramè che, in collaborazione con il Comune di Bogliasco, propone da anni un ricco programma di attività estive per l’intrattenimento dei bambini e ragazzi da 4 ai 12 anni.
Tante sono le iniziative durante l’arco della giornata (gite, escursioni, mare, giochi sportivi, laboratori creativi e tanto altro ancora) dalle ore 8,15 del mattino sino alle 17,45 del pomeriggio dal 13 giugno (scuola Primaria e Secondaria) o dal 2 Luglio (scuola Infanzia) fino al 3 Agosto e dal 3 al 14 Settembre.
Ovviamente, oltre alle tradizionali attività ludiche-ricreative, parte del tempo sarà dedicato alle attività didattiche e scolastiche.

 Info. e Modulistica:

Volantino centri estivi 18_1

Programma e info generali C.E. PRIMARIA-SECONDARIA 2018

MODULO ISCRIZIONE SCUOLA INFANZIA C.E. 2018

MODULO ISCRIZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA C.E. 2018

Manleve centro estivo 2018

L’Amaca

Cos’è?

  • Una PappArea, dove sostare per allattare, dare la pappa e cambiare il nostro bambino
  • Un luogo d’incontro e di gioco per adulti e bambini, con angolo morbido, materiali sensoriali e proposte di lettura per la prima infanzia
  • Un luogo dove la mamma può affidare il proprio bambino ad educatrici esperte ed accoglienti
  • Uno spazio di condivisione e di esperienze di laboratorio con al centro il bambino
  • Un’occasione per i bambini di vivere momenti strutturati di gioco e scoperta, sotto la guida di un’educatrice
  • Un luogo dove i genitori possono essere sostenuti incontrandosi fra di loro e parlando con vari esperti

Dove?

  • A Bogliasco, in Via Mazzini 103

Quando?

  • tutte le mattine dalle h. 10 alle 12

 

Laboratori attivi da settembre:

Yoga bimbi: attraverso un approccio giocoso e la narrazione di una storia, i bambini imparano a respirare, a rilassarsi, ad ascoltare le loro sensazioni, a concentrarsi, eseguendo posizioni yoga che piacciono ai più piccoli (età minima 4 anni)

 

Favole a merenda: per bimbi da 0 a 6 anni Si legge, si drammatizza, ci si diverte narrando, ascoltando, rielaborando fiabe, storie, racconti con altre forme d’arte insieme a mamme, papà, nonni, zii e chiunque voglia leggere e giocare.

 

Quote di partecipazione

Quota associativa annuale:

Ingresso:

*L’utilizzo esclusivo di PappArea è gratuito.

 

 

Feste di compleanno: un animatore concorda con i genitori un’attività laboratoriale che diventa il cuore di una festa originale.

Info:

3663041683_3473766222_0103474121

 

APERTURA NUOVO SPAZIO PAPPAREA A BOGLIASCO

Genova, 4 luglio 2017. Un nuovo punto PappArea da venerdì 7 luglio anche a Bogliasco in via Mazzini 103 nello spazio L’Amaca, gestito dall’Associazione Macramé, associazione di promozione sociale che opera nel campo socioeducativo in collaborazione con il Comune dal 1997.

Il Progetto è sostenuto dalla Regione Liguria e dall’UNICEF regionale e provinciale con l’obiettivo di facilitare l’allattamento ma anche offrire uno spazio di ascolto e attenzione, se richiesto.

La ‘PappArea’ di Bogliasco è uno spazio confortevole, con una comoda sedia e un fasciatoio, dove la mamma potrà allattare, nutrire e cambiare il proprio bambino.

A disposizione anche materiali informativi e ludici per la prima infanzia, suggerimenti di lettura e l’accoglienza da parte di educatrici professionali.

L’orario di accesso sarà dalle h. 10 alle 12 il Lunedì, Mercoledì  e Venerdì per il mese di luglio; indicativamente stesso orario, con l’aggiunta dell’apertura pomeridiana dalle h. 16 alle 18 il Martedì e Giovedì a partire da settembre.

Per l’inaugurazione, venerdì 7 luglio alle h. 15.00, in concomitanza con l’apertura del Ninin Festival, nello spazio ‘L’Amaca’ è previsto il laboratorio per bambini 0-6 anni ‘Favole a merenda’, narrazioni e giochi musicali.

Per info: 3663041683_3473766222_0103474121

CENTRI ESTIVI 2017 — anche l’11 – 12 e 13 Settembre !!!

Il Centro Estivo risponde al bisogno delle famiglie di impegnare i figli dopo la chiusura delle scuole, ma è anche una istituzione educativa originale che pone al centro delle sue attività i bambini/ragazzi.
Esso rappresenta un fondamentale momento di socializzazione che si inserisce in un contesto educativo e culturale più vasto, dove i bambini, trovandosi a contatto con adulti che non sono i loro genitori, i loro maestri, i loro allenatori, hanno la possibilità di instaurare relazioni e modelli di comportamento del tutto inediti.
Le attività sono progettate, inoltre, secondo percorsi che considerano il bambino nella sua globalità e ne promuovono le varie dimensioni (affettiva, cognitiva, fisica, sociale, ecc.), fornendo un’opportunità di apprendimento che attraversa i limiti del centro estivo stesso, scardinando la logica per la quale lo si delega ad una funzione di semplice “parcheggio”.
In questa ottica si muove l’Associazione Macramè che, in collaborazione con il Comune di Bogliasco, propone da anni un ricco programma di attività estive per l’intrattenimento dei bambini e ragazzi da 4 ai 12 anni.
Tante sono le iniziative durante l’arco della giornata (gite, escursioni, mare, giochi sportivi, laboratori creativi e tanto altro ancora) dalle ore 8,15 del mattino sino alle 17,45 del pomeriggio dal 12 giugno (scuola Primaria e Secondaria) o dal 3 Luglio (scuola Infanzia) fino al 28 Luglio e dal 4 all’ 8 Settembre.
Ovviamente, oltre alle tradizionali attività ludiche-ricreative, parte del tempo sarà dedicato alle attività didattiche e scolastiche.

 Info. e Modulistica:

Programma e info generali C.E. INFANZIA 2017

Programma e info generali C.E. PRIMARIA-SECONDARIA 2017

MODULO ISCRIZIONE SCUOLA INFANZIA C.E. 2017

MODULO ISCRIZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA C.E. 2017

Manleve centro estivo 2017

volantino c.estivi 2017

 

Sempre più C E D …

Ormai è sicuro:  il CED, che nella stagione passata ha raggiunto i 15 iscritti, è diventato un punto di riferimento importante.

È importante per i ragazzi che grazie al lavoro di rete tra educatori, scuola e famiglia si sentono parte di una comunità che si prende cura di loro.

È importante per l’istituzione scolastica che grazie ai pomeriggi amplia la sua offerta formativa.

È importante per le famiglie che sanno i ragazzi in ambiente protetto e controllato, accuditi e stimolati nelle loro singolarità e caratteristiche.

Il successo del progetto è garantito oltre che dalla effettiva necessità delle famiglie, dalla formazione degli educatori che si sono specializzati anche con corsi Erickson specifici per DSA e BES, e dagli spazi di ascolto sia per i ragazzi sia,  ma forse soprattutto,  per le famiglie che vivono insieme ai ragazzi i successi o gli insuccessi scolastici.

Quindi……pronti via!

Nuovo anno,  nuovi ragazzi,  nuove emozioni!

… … …

Progetto Ced (Centro Educativo Didattico) 2016/2017

All’interno del CED sono previste:

  • assistenza nello svolgimento dei compiti,
  • attività ludiche,
  • spazi di ascolto per i ragazzi e per le famiglie,

…e quanto altro possa evidenziarsi come efficace nella crescita globale di ogni singolo ragazzo.

DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI:

Gli obiettivi di questo progetto sono:

  • Rafforzare le competenze scolastiche e favorire il miglioramento delle capacità d’apprendimento attraverso metodi ed interventi didattici realizzati da un’equipe di personale formato professionalmente ed esperto nell’area dell’educazione. Durante lo svolgimento dei compiti, i ragazzi verranno suddivisi in gruppi omogenei e seguiti da un educatore di riferimento.
  • Offrire sostegno nell’età preadolescenziale con la creazione di “un luogo, uno spazio, un tempo” dove essere ascoltati tramite metodologie che sviluppano le risorse. Con l’aiuto di un esperto potranno essere affrontati temi che, scelti insieme ai ragazzi, possano rivelarsi utili alla prevenzione del disagio giovanile.
  • Proporre un “luogo, uno spazio, un tempo” dove crescere insieme, dove potersi esprimere, dove migliorare la capacità di comunicazione e di relazione, e dove poter esplicitare i propri bisogni.
  • Offrire un servizio alle famiglie che sanno i ragazzi in un ambiente protetto, stimolante e sano
  • Offrire un servizio all’istituzione scolastica, che amplia la propria offerta. Gli educatori saranno in contatto con gli insegnanti, capteranno le indicazioni, lavoreranno insieme a loro per favorire la crescita armonica dei singoli.

DESTINATARI:

Tutti i frequentanti la Scuola Secondaria.

TEMPI E LUOGHI:

Il  Centro  Educativo  Didattico  sarà  attivo  da  Ottobre  2016  a  Giugno  2017  tre pomeriggi alla settimana (martedì, mercoledì e venerdì) dalle ore 13,30 alle ore 17,00.

Questi gli orari previsti:

13,30 – 14,15: Pranzo (Mercoledì e Venerdì utilizzando il servizio mensa, il Martedì con pranzo al sacco)

14,15 – 17,00 Svolgimento dei compiti

Il Centro Educativo Didattico avrà luogo a Bogliasco presso i locali della biblioteca dell’Istituto comprensivo Bogliasco, Pieve Ligure e Sori e presso i locali dell’Associazione Macramè.

FIGURE PROFESSIONALI

  • Un counselor  che  coordina  il  progetto  e  attiva spazi di Ascolto
  • Due/ tre educatori,  di  cui  uno  responsabile,  formati  professionalmente,  con comprovata esperienza in ambito educativo e didattico.

Tutti gli operatori sono specializzati in metodologie di apprendimento specifiche per DSA.

Il centro sarà attivato con un minimo di 10 iscritti e un massimo di 18

Il rapporto educatori / ragazzi:  1: 5 /6

 

Documentazione e moduli:

  • ced-2016-2017-comunicazione-modulo-iscrizione
  • modulo-singolo-iscrizione-ced-2016-2017
  • vieni-al-ced-2016-1

 

CENTRI ESTIVI 2016

Il Centro Estivo risponde al bisogno delle famiglie di impegnare i figli dopo la chiusura delle scuole, ma è anche una istituzione educativa originale che pone al centro delle sue attività i bambini/ragazzi.
Esso rappresenta un fondamentale momento di socializzazione che si inserisce in un contesto educativo e culturale più vasto, dove i bambini, trovandosi a contatto con adulti che non sono i loro genitori, i loro maestri, i loro allenatori, hanno la possibilità di instaurare relazioni e modelli di comportamento del tutto inediti.
Le attività sono progettate, inoltre, secondo percorsi che considerano il bambino nella sua globalità e ne promuovono le varie dimensioni (affettiva, cognitiva, fisica, sociale, ecc.), fornendo un’opportunità di apprendimento che attraversa i limiti del centro estivo stesso, scardinando la logica per la quale lo si delega ad una funzione di semplice “parcheggio”.
In questa ottica si muove l’Associazione Macramè che, in collaborazione con il Comune di Bogliasco, propone da anni un ricco programma di attività estive per l’intrattenimento dei bambini e ragazzi da 4 ai 12 anni.
Tante sono le iniziative durante l’arco della giornata (gite, escursioni, mare, giochi sportivi, laboratori creativi e tanto altro ancora) dalle ore 8,15 del mattino sino alle 17,45 del pomeriggio dal 9 giugno (scuola Primaria e Secondaria) o dal 1° Luglio (scuola Infanzia) fino al 29 Luglio e dal 29 Agosto al 13 Settembre.
Ovviamente, oltre alle tradizionali attività ludiche-ricreative, parte del tempo sarà dedicato alle attività didattiche e scolastiche.

 

Documentazione e moduli:

 

Progetto Arzillamente

Lo scorso 20 ottobre si è tenuta presso il Campus Universitario di Savona la giornata di studi ‘ArzillaMente’, evento conclusivo della manifestazione ‘AutunnArzillo’ che ha coinvolto la popolazione anziana savonese dal 20 settembre per un intero mese con una serie di iniziative premiate da un buon successo di pubblico (straordinario in alcuni eventi).

Davanti a una platea folta e attenta hanno aperto la giornata i saluti delle Autorità: in prima battuta il “padrone di casa”, Prof. Federico Delfino, nella doppia veste di delegato del Magnifico Rettore dell’Università di Genova e di rappresentante della Società SPES
S.c.p.A che ha ospitato il convegno; poi il sindaco Federico Berruti, anche a nome dell’assessore ai Servizi Sociali Isabella Sorgini, quindi la Dott.ssa Claudia Agosti Direttore Sanitario dell’ ASL2 Savonese. Prestigioso chairman della giornata è stato il Prof. Guido Franco Amoretti, Direttore del Dipartimento della facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova, che ha tenuto una breve introduzione e poi, con il sense of humour che lo contraddistingue, ha contribuito a mantenere vivo l’interesse dell’uditorio e a gestire la puntualità degli interventi degli altri relatori. Per conto della Regione Liguria l’Assessore alle Politiche Sociali Lorena Rambaudi ha tenuto una relazione sulle iniziative dell’Ente a favore della popolazione anziana e in particolare nell’ambito dell’invecchiamento attivo, illustrando la legge 48/2009 promossa dalla Regione Liguria (prima in Italia) nonostante i continui tagli al bilancio regionale a opera del Governo nazionale. A seguire, la Presidente di Auser Savona Ileana Scarrone ha ribadito la filosofia che sorregge le attività dell’Associazione, promotrice di AutunnArzillo e di ArzillaMente, mirata alla rivalutazione dell’invecchiamento all’interno dell’arco di vita e alla ricostruzione di una forte solidarietà tra generazioni e culture. Si sono quindi succeduti gli interventi a carattere più propriamente scientifico: il Prof. Maurizio Modenesi, Presidente della Sezione Ligure della Società Italiana Geriatria e Gerontologia, ha parlato delle più comuni problematiche fisiche dell’anziano e ha illustrato alcune modalità di prevenzione mirate alla promozione del benessere anche nella terza età. Notevole curiosità ha suscitato l’intervento del Prof. Roberto Todella, presidente del Centro Interdisciplinare per la Ricerca e la Formazione in Sessuologia, che ha ricordato affettuosamente la Prof.ssa Jole Baldaro Verde a pochi mesi dalla scomparsa e, proprio giocando su una metafora a Lei cara, a ha ricordato come la sessualità e l’affettività di una coppia siano come un giardino che in ogni stagione produce fiori e frutti diversi e del quale dobbiamo prenderci cura se non vogliamo vederlo appassire.
La Dott.ssa Valeria Pollero, psicoterapeuta e ricercatrice presso l’Ospedale Galliera di Genova, ha illustrato i buoni risultati di esperienze di stimolazione cognitiva rivolta sulla popolazione anziana che lamenta un soggettivo disturbo di memoria: gli studi dimostrano
come l’ allenamento cognitivo e l’interazione sociale possano svolgere un ruolo fondamentale nel rallentare e prevenire l’involuzione senile e garantire il mantenimento e il potenziamento delle proprie capacità e autonomie. A seguire la Dott.ssa Michela Moretto della ASL2 Savonese ha ricordato come anche l’alimentazione sia una delle difese contro le malattie e l’invecchiamento, soprattutto se
associata ad un’attività fisica quotidiana leggera ma costante. È risaputo che la dieta mediterranea contribuisce a una riduzione del rischio di mortalità in generale e cardiovascolare in particolare; in questa relazione, alla luce delle indicazioni dei LARN
(Livelli di assunzione raccomandati di energia e di nutrienti per la popolazione Italiana), sono state proposte delle indicazioni sulla corretta alimentazione nell’anziano sano e una guida per la composizione dei pasti. Sulla scia dell’intervento dedicato alla nutrizione la Prof.ssa Cristina Barbera, docente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Genova, ha ribadito l’importanza
dell’attività fisica, riportando gli interessanti risultati conseguiti all’interno del progetto di Fondazione Carige Età Libera Invecchiamento attivo con l’attivazione dell’ AFA (Attività Fisica Adattata) e dei Gruppi di cammino, gruppi organizzati di persone che si ritrovano due volte alla settimana per camminare lungo un percorso urbano/extra urbano, inizialmente con la guida di un esperto del movimento e successivamente di un walking leader interno al gruppo ed appositamente formato. Il Prof. Felice Rossello, docente di Scienze della Comunicazione e beniamino locale come conosciuto autore televisivo, ha infine chiuso la serie degli interventi tenendo una
relazione, nata dagli spunti offerti dagli interventi precedenti, nella quale ha scherzato con il pubblico offrendo ricordi personali sulla costruzione del ‘vero’ sapere in contesto informale e sul concetto fondamentale che la mente resta arzilla se si lavora a qualche
progetto che piaccia. In questo senso ha lanciato una proposta provocatoria, ma intrigante sulla fondazione di giornale on line che utilizzi anche una Tg via web fatto dalla terza età , non necessariamente per la sola terza età, a cui collaborino per l’insegnamento dell’ABC delle riprese e del montaggio giovani della Comunicazione e in cui le Istituzioni si inseriscano fornendo materiali e locali.
Uno sguardo a 360° sul pianeta “anziano”, insomma, nell’ottica di promuovere tutte quelle azioni sociali, sanitarie e psicologiche che conducano la popolazione all’appuntamento con la terza età in buona forma fisica e mentale, pronta ad affrontare una fase della vita che
può essere ancora ricca di stimoli e -come dicono le statistiche- sempre più lunga.

locandina convegno arzillamente